La posta di Antonella

ANTONELLA RISPONDE A DEBORA 2

pubblicato il 11/03/18

Domanda di Debora

Quando vogliamo riattivare la nostra motivazione, dobbiamo porci le seguenti domande:
Cosa voglio? Che cosa desidero di più?
A cosa do valore? Di cosa ho bisogno?
Cosa mi piace? Cosa capisco? Cosa amo?
Quando ci sediamo e riflettiamo sulle risposte a queste domande, esse diventano la base per l'attivazione di nuove intuizioni e attività.
Nel corso della vita è necessario, di volta in volta, diventare silenziosi e ridefinire, rivalutare e sperimentare, più e più volte, quello che sappiamo o ciò che pensiamo di sapere.
Si tratta di un semplice esercizio, che, se fatto con sincerità, stimola nei nostri pensieri e il nostro modello motivazionale

Volevo chiedere un vostro parere in merito al pensiero del giorno di oggi e in riferimento a persone che frequentano corsi di yoga o che comunque stanno cercando di seguire un percorso spirituale
Partecipare ad un corso di yoga ed altro è diventato un po’ una moda ma anche un bisogno e sicuramente fare qualsiasi pratica spirituale anche solo per moda va comunque bene perchè avremo senza dubbio persone più pacifiche. Ma appunto ho notato che vi sono molte persone che usano tecniche come la meditazione o recitare un mantra con il solo obbiettivo di allontanare i pensieri negativi, ossessivi… al fine di sentirsi sereni, un po come si faceva anni fa… faccio un esempio personale di come sono cresciuta….sono del 75 nata a napoli e dalle mie parti si usava molto recitare il rosario appena era possibile più volte al giorno allo scopo di riposare la mente ritrovare pace e ok va benissimo, solo che poi al contempo c’erano problemi seri da affrontare come la povertà la miseria un padre che alzava facilmente le mani e altre problematiche importanti sulle quali non si faceva nulla per migliorare…. Allora è questo il punto, che molto spesso manca totalmente l’esercizio di oggi… le domande che giustamente voi consigliate oggi vanno poste a noi stessi tutti i giorni, soprattutto, secondo me, dopo una meditazione o dopo essere stati in chiesa.. quando abbiamo una mente calma quando ci sentiamo più vicini alla nostra anima, quando non abbiamo influenze esterne e siamo connessi con il nostro essere che ci fa vedere tutto con più lucidità e distacco emotivo
Anche se mi rendo conto che rispondere con sincerità alle domande da voi suggerite mette paura! la consapevolezza spaventa! potrebbe avvilire, potrebbe voler dire rimetto tutto in discussione e in certi casi potrebbe significare che dovrò affrontare dei cambiamenti notevoli come ad esempio allontanare saggiamente alcune persone o cercare con atteggiamenti diversi di cambiare certe situazioni
Ecco volevo cortesemente un vostro pensiero su questo, cosa ne pensate?
E se siete d’accordo col mio pensiero come posso fare per far notare questa riflessione ad alcuni amici a me cari senza però correre il rischio di essere invadente e presuntuosa?

Risposta di Antonella

Cara Debora

Hai fatto una bella fotografia della realtà di oggi, sei molto chiara su quello che è il contesto odierno e la necessità, sempre crescente di qualcosa di più e di qualcosa di meglio.

Il mondo sta navigando sulla superfice dell’essere pensando di trovare felicità e benessere, invece trova problemi e tanta insoddisfazione. Ecco perché sempre di più ci sono persone che cercano risposte nella meditazione e nella pratica dello yoga.

È vero che può mettere paura andare a scavare sotto, tuffarsi nella profondità e forse rimettere tutto in discussione. Si, a volte è necessario ma spaventa solo come qualcosa che ancora non si è mai fatto. Anche iniziare a nuotare quando è la prima volta crea timore, come un esame. Ogni cosa nuova intimorisce perché ci mette davanti alle nostre abilità e alle nostre motivazioni. Ma ne vale la pena. Oltre a rispondere alle domande suggerite, però prova anche a fare il corso di Raja Yoga della Brahma Kumaris. Vivi ancora a Napoli? Se non sei fisicamente vicina ad una nostra sede, puoi farlo online. Ma cose semplice che ti ricordano la bellezza del se ti aiutano a vedere quello che non va e cambiare. Infondo il cambiamento è all’ordine del giorno e l’unica costante della vita.

Se vuoi sapere quando facciamo i corsi, sono sul calendario alla seguente pagina……….

Se gli altri ti ascoltano o meno, poco importa. Puoi passare loro articoli stimolanti ma ognuno arriva al suo momento, ognuno corre la sua maratona. Prima di pensare agli altri pensa a te stessa, come dicono sui voli quando danno istruzioni per la maschera dell’ossigeno. Prima indossala tu e poi aiuta gli altri a farlo…

Buon proseguimento e continua ad essere cosi chiara, è un utile strumento di crescita.

Antonella

Per iscriversi alla Rajayoga Newsletter mensile e ricevere informazione su corsi di meditazione, eventi, ricette vegetariane e tanto altro, clicca qui:
http://www.rajayoganewsletter.com/newsletter.htm


Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di controllo

FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Accetto le condizioni della privacy

Privacy Policy      Cookie Policy