Recensione Eventi

Fronteggiare le sfide

pubblicato il 14/12/18


Conferenza in Australia Gold Cost
Antonella ferrari

Nessuno è esule da sfide, qualsiasi sia la nostra età o contesto. Viviamo una realtà che ci mette costantemente alla prova su vari fronti!

Tra le tante aree dove possiamo essere esposti a sfide, eccone alcune:
• salute
• situazione economica
• relazioni

La salute è ciò che manteniamo mangiando bene, dormendo abbastanza ed evitando ciò che può alterarla. Non sempre siamo accorti essendo spesso il nostro rapporto con il cibo dettato dal gusto piuttosto che da un senso di rispetto verso il nostro corpo.
Il prezzo di questo è la malattia e, per alcuni, questa è la sfida più grande.

Pensare di cambiare stile di vita e stile di alimentazione, può sembrare una scelta enorme, in realtà basta entrare nell’ottica che il rispetto sia ciò che motiva le mie scelte.
Le azioni seguono, e con facilità, le nostre posizioni mentali. Quando io scelsi di diventare vegetariana, fu semplicemente perché un medico omeopata, quasi 35 anni fa, mi fece notare che la mia colite non era cronica (come mi era stato detto) ma dipendeva dal cibo che ingerivo. La consapevolezza rese facile la scelta e il conseguente senso di benessere l’ha consolidata nel tempo rendendo naturale questo stile di vita.

L’economia implica conoscere la semplice legge della semina. Si dice - chi semina raccoglie - e questo semplice meccanismo regola ogni nostra azione. Sono appena rientrata dall’Australia dove ho fatto un tour di conferenze e qualcuno mi ha chiesto: “ma che si può fare quando non ci sono i soldi per pagare le bollette?”
Sembrerebbe ovvio preoccuparsi per la proprie responsabilità quotidiane, ma la soluzione non è disperarsi o incolpare il mondo della mia condizione.

In india dicono che quando manchi di qualcosa la devi donare. Quindi se ho pochi soldi dovrei usarli generosamente. Se ho poco cibo, quel poco lo condivido. Questo sblocca e inverte la dinamica karmica.

Purtroppo quando pensiamo di mancare di qualcosa, la paura e l’avidità prendono il sopravvento e cosi facciamo il contrario.
È da provare e vedere se funziona!
Essendo il karma una filosofia non gestita da umani è pertanto impeccabile.

Ed eccoci alle relazioni, il contesto di maggiori sfide, non solo per il carattere degli altri ma anche per il mio! Le sfide vengono da fuori e da dentro, da coloro che incontro ogni giorno e dai miei stessi ricordi.
La sfida è perdonare e andare oltre, dimenticare e ricominciare da capo.
Non prendersi carico delle paranoie degli altri e di quando ti rendono un capro espiatorio. Recentemente qualcuno mi diceva quanta sofferenza aveva preso da me. Non avevo mai sostenuto il suo sentimento negativo verso il marito e ogni volta che me ne parlava cercavo di darle un’altra prospettiva e cosi non mi sentiva complice della sua negatività, anzi io stessa diventavo qualcuno da attaccare. Il suo ventaglio di nemici aumentava…

La risposta che ho imparato è la misericordia e vedere la bellezza dell’anima alla sua origine. Se mantengo l’immagine dell’altro non per quello che oggi combina, non per il danno emotivo che semina, ma per la sua grandezza interiore, allora ho adottato un’altra strategia. Ed è proprio questo che mi aiuta a sciogliere le sfide rendendole stimoli di crescita per risvegliare e esprimere il mio vero potenziale spirituale.

Si dice: - se solo tu vedessi quello che realmente sei!
Ti stupiresti della tua stessa grandezza. Questa è la meraviglia che voglio intrattenere nel cuore e nella mente e cosi continuare a percorrere questa esistenza all’insegna dell’amore e non della rabbia, dell’apprezzamento e non del rifiuto.

Ogni sentimento negativo manca della consapevolezza del danno profondo che esso mi procura. La forza per invertire il senso di marcia e diventare forti dentro è sostenuta dalla meditazione e dallo yoga. La meditazione è la capacità di fermarsi e dialogare con se stessi e vedere quello che mi schiude nuovi orizzonti e speranze. Lo yoga è la connessione con qualcosa di più vasto della realtà materiale, la luce della vita che portiamo dentro e che non può e non vuole essere estinta, e la riconciliazione con il Divino.

La sfida è lo stimolo per la tua crescita. Se durante la tempesta ci sono tante emozioni, appena è passata lascia dietro di sé la forza dell’esperienza, quella che ci rende più forti, poco propensi a ripetere lo stesso errore e pronti ad aiutare gli altri a non cadere nelle stesse trappole.

Cosi cresciamo insieme.

• Quale settore è la maggiore sfida per te?

• Cosa posso estrapolare da questo articolo da mettere in pratica?

• Hai meditato già o vuoi iniziare per capirne di più?

È importante realizzare che la mia mente è la più grande risorsa e la sfida maggiore è renderla una mia alleata. L’arma dell’autocontrollo è una delle più potenti e con essa l’arma dell’amore.
Oggi si diventa facilmente “legge” pensando che la struttura sia sinonimo di ordine. Ma se voglio riportare ordine, dentro e fuori, armonia dentro e fuori, il passaggio è ben più profondo che imporsi discipline e imporle agli altri.
La sfida più grande è essere “svegli” per non cadere nell’oblio delle illusioni.


Per iscriversi alla Rajayoga Newsletter mensile e ricevere informazione su corsi di meditazione, eventi, ricette vegetariane e tanto altro, clicca qui:
http://www.rajayoganewsletter.com/newsletter.htm


Commenti

Icona utente Claudia il 02/01/19
Grazie per questo articolo molto chiaro, positivo, illuminante
Icona utente Roberta il 28/12/18
Bellissimo articolo grazie

Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di controllo

FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Accetto le condizioni della privacy

Privacy Policy      Cookie Policy