pubblicato il 08/09/19

Dadi Janki
I Modi per iniziare a sentirsi Magnificamente.
Qui troviamo qualche metodo pratico che ci aiuta a riconoscere e superare alcune abitudini o ostacoli che ci impediscono di sentirci bene.

Abbiamo bisogno di connetterci e di concentrarci nel positivo e negli aspetti spirituali del sé, facendo di questo le fondamenta del nostro cambiamento e apprendimento. Se siamo sinceri nel nostro desiderio di sentirci Magnificamente e farsi che altri si sentano bene, dobbiamo essere onesti rispetto alle sfide e agli ostacoli che dobbiamo superare.

Per affrontare e lasciare andare un blocco ricorrente, un dolore o un’afflizione, con attenzione pratica i cinque seguenti semplici passi.

1. RICONOSCERE
Riconosci di avere un ricorrente sconvolgimento o problema. Ammetti a te stesso che qualcosa in te ti limita. Per esempio, puoi sentirti poco apprezzato e incapace di trovare una persona cooperativa, puoi avere problemi economici o sentirti rifiutato o risentito. Questo non ha a che fare con il proiettare colpe negli altri e nelle situazioni. Consiste invece nel riconoscere che ogni cosa, buona o cattiva, comincia nel sé.
Questo conduce ad una grande liberazione perché tu sai che hai tutte le risorse interiori per risolvere ogni cosa che ha le radici in te stessa.

Sebbene tu possa cercare cooperazione da altri, in definitiva sta a te fare un passo verso la tua realtà interiore e riconoscere che la fonte di dolore richiede un cambio di attitudine, di pensieri e di percezione.
Quando prendi questa responsabilità, anziché sentirti colpevole, ti sentirai libera di scegliere dove andare e in quale direzione la tua vita si muoverà.

L’onestà con il sé non ti farà mai sentire colpevole, mentre ti farà sentire bene perché alla fine tu hai il coraggio di affrontare te stessa e hai la fede che praticando il pensiero positivo, il tuo mondo cambierà per il meglio.

2. DEFINIRE
Definisci la mancanza che senti dentro di te mentre, allo stesso tempo, mantieni una consapevolezza della tua natura originale fatta di pace, purezza, amore e felicità.
Nello stato originario sei libera ed equilibrata e, ricordandolo, è il modo per ritornarvi.

Dalla prospettiva delle tue virtù originali emergono una notevole forza di volontà e di coraggio che ti preparano a definire chiaramente il limite che ha interrotto la sensazione di benessere.

3. DISTACCO
Dopo aver definito la carenza, distaccati da questa. Puoi fare ciò con sicurezza avendo la conoscenza del tuo vero sé. Non sei il difetto che hai perciò accettalo, comprendilo ma non identificarti con esso. Questo distacco crea uno spazio di guarigione e l’energia si sposta dal senso di colpa e di vergogna all’entusiasmo.
Rendendosi conto che l’intasamento deve defluire, cerco il chirurgo che può intervenire su questo.
Così puoi ripristinare la tua salute spirituale ed emozionale e sentirti di nuovo Magnificamente.

4. OFFRIRE
Offri in sacrificio le tue imperfezioni al “Chirurgo” per un intervento. Oltre ad essere nostro Padre, Madre, Insegnante ed Amico, Dio è anche il chirurgo specializzato a rimuovere quelle cose che ci fanno sentire male.
Dio è tecnicamente un chirurgo d’avanguardia, perché non rimuove tramite i tagli ma dissolvendo il male, come lasciare un pezzo di ghiaccio al sole che si dissolve: è semplice!
Tuttavia, affinché questo accada, tu devi prendere una decisione profonda. Devi offrire il blocco, il limite, e decidere onestamente che non lo vuoi più. Per esempio il risentimento che è durato per anni, le critiche, la natura giudicante che aliena così tanti, la costante paura che paralizza tutte le iniziative … e tanto altro. Puoi decidere di non volerli più?

Le operazioni non sono tipicamente piacevoli. Ma l’anestetico dell’amore divino, la fede nelle abilità del Chirurgo e nella sua mano gentile vinceranno la tua esitazione. L’operazione è fatta, puoi muoverti oltre. Potrebbe esserci un po’ di dolore, nella forma di paura, potrebbero emergere vecchi bisogni, ma l’operazione avrà avuto successo anche se ulteriore attenzione sarà necessaria.

5. PRESTARE ATTENZIONE
Non lasciare che il virus di vecchi desideri o paure ritorni per far rincominciare il processo. Giacché desideri la salute, presta attenzione e chiedi al Chirurgo dei consigli su come rimanere libero e calmo. Avendo conquistato tutto ciò, ti sentirai Ok, la smarrita padronanza del tuo sé ha fatto ritorno. Tu non sei più una vittima o un burattino del tuo vecchio sé, e neppure di altri, o delle circostanze.

IL VALORE DEL SILENZIO

I cinque passi, che ci aiutano a stare di nuovo Magnificamente, esigono la quarantena del silenzio. La pratica del silenzio ci educa, per non riempire il vuoto interiore con rumori ed emozioni che, sebbene superficiali, mantengono a bada quel vuoto. Il silenzio ci aiuta a capire che cosa esso sia ed il suo inestimabile valore per recuperare positività di pensieri e sentimenti.

Silenzio significa staccare, disconnettersi dalle tante prese che assorbono la nostra energia: problemi, preoccupazioni, piaceri, paure e sovraccarichi. Per essere alleggeriti velocemente abbiamo bisogno di diventare introspettivi e silenziosi. Questo rivitalizza i nostri pensieri.

Ogni pensiero che creiamo è energia e produce una sua corrente, sia essa positiva o negativa.
Faccio un passo all’interno del silenzio per sentire la pace e stabilizzarmi in essa. Questa corrente di pace mi libera da carichi e paure.

IL POTERE DI OM SHANTI

In meditazione, il modo per connettersi alla nostra pace originaria è utilizzando il pensiero Om Shanti. Questa parola vuol dire: “sono un essere di pace”. Quando accetto “Om Shanti” come una realtà personale e mi concentro su questa, il potere originale di pace e di serenità viene sprigionato. Come un nuovo ossigeno entra nella mente e la rende tranquilla.

Richiede pochi secondi di concentrazione connettersi con il sé. Il potere di “Om Shanti” può essere praticato varie volte durante il giorno anche solo per dieci/venti minuti ogni volta. Questo innesca non solo una buona relazione con la mia mente ma anche una buona relazione con il tempo.

Dopo un esercizio giornaliero del genere, chi potrà trovare il pretesto di non avere tempo!
La corrente di Om Shanti non fallisce mai nel dare energia, se praticata con completa attenzione. Grazie all’accumulo delle tante pause di pochi secondi, non ci sentiremo stanchi e continueremo a percepirci Magnificamente.

Per iscriversi alla Rajayoga Newsletter mensile e ricevere informazione su corsi di meditazione, eventi, ricette vegetariane e tanto altro, clicca qui:
http://www.rajayoganewsletter.com/newsletter.htm


Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di controllo

FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Iscriviti alla Newsletter

Privacy Policy      Cookie Policy