Perle di saggezza

Niente da volere

pubblicato il 23/08/16


Aruna Ladva

‘Volere o non volere?’ Ecco la domanda che ci attanaglia da generazioni. L’abbiamo perfino trasformata in un hobby: quello di volere ogni genere di cose e di inseguire sogni e desideri.

Ma qualcosa non suona nel modo giusto…. Dobbiamo veramente inseguire, perseguire e lottare per le cose che vogliamo? Come mai è così difficile? Non farle giungere a noi con maggiore facilità?

La radice della nostra sofferenza sta nel desiderio. Desiderio di attenzione e di approvazione; desiderio di rispetto e riconoscimento del nome e del prestigio! Desiderio di oggetti materiali, di lusso e da collezione!
C’è ovviamente sempre la domanda se si tratti di un desiderio o di una necessità. Qual è la differenza?

Come si sa, il pozzo dei ‘desideri’ non ha fondo, ci costringe a lottare, a stressarci e a darci da fare per cose che non appagano realmente il cuore. Otteniamo la cosa che vogliamo, la patina di novità si consuma subito, e ci troviamo di nuovo a cercare un’altra cosa! Alla fine si tratta di una perdita di tempo, denaro ed energia. Invece, la necessità è tale per la sopravvivenza fisica o spirituale.

L’anima possiede già tutto ciò di cui ha bisogno dentro di sé. Le necessità del corpo saranno soddisfatte a condizione di compiere azioni buone ed elevate. Colui che compie buone azioni ed ha un buon karma, non morirà mai di fame, né si troverà nella condizione di elemosinare. Riceverà cooperazione tutte le volte che sarà necessario. Una donna molto saggia chiamata Dadi Janki, per me ne è un esempio. Non possiede un conto in banca personale; sono le sue buone azioni accumulate nel corso degli anni che letteralmente la nutrono e sostengono!
Se mi sento continuamente spinta a volere sempre di più, poi non mi sarà possibile sentirmi in pace. Sarebbe come correre costantemente dietro ad un miraggio in un deserto, e scoprire sempre che non era propriamente quello che sembrava essere. Dobbiamo ammettere che è l’inseguimento di ciò che vogliamo a renderci inquieti e senza pace.

Se vogliamo cercare di essere in pace, dobbiamo fare uno sforzo coscienzioso di volere meno e possibilmente di correre dietro a meno cose. Meno significa meno di ogni cosa. La prossima volta che ti ritrovi a inseguire una posizione o un riconoscimento, prova a chiederti: questa cosa mi porterà veramente felicità e pace?

C’è una certa verità nel detto che ‘una vita semplice è una vita felice’ Se mi metto ad accumulare cose per il futuro, solo nell’ipotesi che possano servirmi, allora vuol dire che non ho fiducia. L’energia che mi serve per tenere insieme queste cose smette di fluire. Bisogna che ci sia sempre la fiducia di ricevere sempre ciò che voglio quando ne ho bisogno. E ciò significa sbarazzarmi delle cose che al momento non uso, affinché possano essere usate da altri e trarne beneficio.

Volere significa mendicare. Controlla quante cose chiedi questa settimana, invece di sentire di avere diritto a ciò che l’universo può offrirti. Una buona strategia è quella di pensare ad una cosa che desidero e mantenere la fiducia e la certezza che tutto ciò di cui ho bisogno mi verrà concessa con grazia ed abbondanza. Continuare a chiedere con un sentimento di mancanza o di non meritare significa non fidarsi dell’universo e bloccare il flusso della sincronicità.
Quando mi rendo conto che sono io il protagonista del dramma della mia vita, non ho bisogno di volere. Posso vivere con la fiducia che tutto mi giungerà al momento opportuno. Non c’è bisogno di sentirmi insicura o timorosa. Sono completamente consapevole e meravigliata di come l’universo sia sintonizzato su ciò di cui ho bisogno. E più mi esercito in questi pensieri, più facile mi risulterà l’ottenere.
È Ora… di sentirci meritevoli e fiduciosi che le nostre necessità e i nostri desideri potranno essere esauditi. Se chiediamo e vogliamo, diventiamo mendicanti. Se sentiamo di averne diritto, diventiamo dei re.

Per iscriversi alla Rajayoga Newsletter mensile e ricevere informazione su corsi di meditazione, eventi, ricette vegetariane e tanto altro, clicca qui:
http://www.rajayoganewsletter.com/newsletter.ht

Precedente | Successivo

Commenti

Icona utente Roberta il 17/02/17
io mi sento un mendicante di amore... se l'altro non mi da ttt l'amore che non ho avuto... mi sento non degna di vivere...la mia mente mi mette in inganno e il risentimento cresce, se invece cambio il registro e sento sgorgare l'amore dal mio cuore verso di me...allora si accende una piccola fiammella che m'illumina da dentro riempiendo ogni mia cellula d'amore incondizionato verso il mio essere più puro e la tristezza mi abbandona...

Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di controllo

FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Accetto le condizioni della privacy

Privacy Policy      Cookie Policy