pubblicato il 11/03/14

 

16-02-2014 Aruna Ladva

C’è un vecchio detto: Quando l’allievo è pronto, il maestro arriva’.
Ma, a pensarci bene, i maestri non sono tutti intorno a noi in una forma o in un’altra? Potrebbe essere che semplicemente non ci facciamo caso?

Tutti e tutto diventano mezzi per insegnarci qualcosa. Ma perché ciò accada, bisogna trovarsi in ogni momento nello stato di coscienza di studente. Il problema è che spesso ci comportiamo come persone che vogliono mostrare agli altri quello che sappiamo! Se viviamo cercando di imparare qualcosa piuttosto che insegnare qualcosa, allora ci andrà tutto meglio: avremo più amici e vivremo più felici!

La chiave sta nell’avere sempre uno scopo o un obiettivo. Se il mio obiettivo è la pace, ricercherò, esplorerò, sperimenterò, creerò e realizzerò idee di pace. Posso persino imparare dalle circostanze ‘turbolente’, e arrivare a capire prima di tutto come mai divento turbolento io!

Il tempo è uno dei nostri più grandi maestri, ma si sa che non è quello che preferiamo di più! Perché il tempo qui somiglia molto alla morte che bussa alla nostra porta: non possiamo chiederle di aspettare un secondo in più! Allo stesso modo, quando arriva il momento di imparare la nostra lezione, dobbiamo impararla, non si scappa. Il vantaggio di imparare la lezione in anticipo è che la lezione sarà meno dolorosa. Per esempio, se non abbiamo capito e imparato che la tendenza ad attaccarsi porta sofferenza, quando poi arriva il momento che l’oggetto del nostro attaccamento ci viene portato via, soffriremo.

Per qualcuno il maestro è la salute. Alcuni cambiano vecchie abitudini solo quando il medico diagnostica una malattia terminale. Di sicuro è meglio prevenire che curare, no? Liberati dalle dipendenze prima che siano esse a liberarsi di te!

Ci farebbe anche bene imparare dal ripetersi delle situazioni negative che sembrano non volerci lasciare. Se certi schemi si ripetono nelle relazioni, negli affari o in altre aree della tua vita, guarda più in profondità, significa che c’è una lezione da imparare. Qualcosa ci darà seccature o ci irriterà finché non avremo sviluppato con essa una relazione più amorevole. La risposta è accoglierla e accettarla. Perché finché la eluderemo o la eviteremo, rallenteremo la nostra crescita.

La nostra flebile vocina interiore può essere uno degli insegnanti più importanti. Ma dobbiamo ascoltare molto attentamente poiché può venire facilmente sopraffatta dal ‘chiacchiericcio scimmiesco’ e dai pensieri sprecati. Quante volte hai avuto una buona intuizione, ma a causa di un dubbio o di scarsa autostima, hai sabotato te stesso e la situazione? Più meditiamo, più saremo in grado di  ascoltare chiaramente la nostra voce interiore.

La natura ci insegna quando vediamo emergere un filino d’erba dal cemento; impara la lezione di continuare a perseverare nonostante tutto! E quando il tempo diventa brutto, non permettere al tuo stato d’animo di fare altrettanto. Il sole è sempre luminoso, sia che lo si veda o no.

In breve, possiamo imparare ogni giorno, in ogni momento, in ogni situazione. La scuola della vita è la migliore di tutte: non siamo mai troppo vecchi, troppo intelligenti o troppo titolati per parteciparvi. Le uniche qualifiche da cui possiamo trarre beneficio sono l’umiltà, l’amore per la vita e il desiderio di imparare e crescere.

Il cielo blu mi ha insegnato ad essere gentile
La carezza del vento mi ha incitato a continuare ad impegnarmi
La cima serena della montagna mi ha stimolato a stare  quieta
Il crepuscolo all’orizzonte mi ha indicato di aprirmi alle cose giuste
Il sole mi ha insegnato a essere luminosa
Il sorriso della luna mi ha indicato la gentilezza
L’oceano espresse l’opinione di aver cura della saggezza.
E lo scroscio del fiume mi ha fatto capire di fluire con libertà
La terra mi ha insegnato la tolleranza
Le solide rocce mi hanno suggerito di essere ferma
Di migliorare le capacità di affinare il mio comportamento
La primavera con i suoi dolci torrenti
Ha così affascinato il mio cuore da farmi cantare
La foresta impetuosa mi ha rinvigorita
Con le sue verdi distese.

Io imparo dalla Natura e dai suoi doni puri.

(traduzione di una poesia Bengalese fatta da Sri Sunirmal Basu)

E’ Ora…di sviluppare l’umiltà e imparare le lezioni che l’università della vita chi impartisce. Noi non vogliamo solamente passare, ma diventare a nostra volta un maestro ovvero qualcuno che ha imparato l'arte di vivere.

 

Per iscriversi alla Rajayoga Newsletter mensile e ricevere informazione su corsi di meditazione, eventi, ricette vegetariane e tanto altro, clicca qui

http://www.rajayoganewsletter.com/newsletter.htm

 


Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di controllo

FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Iscriviti alla Newsletter

Privacy Policy      Cookie Policy