Perle di saggezza

Spingere o tirare?

pubblicato il 14/02/13

 

Spesso ci ritroviamo a spingere certe cose della vita mentre con un piccolo cambiamento di attitudine, con uno spostamento della coscienza e un passo nella direzione giusta, possiamo realmente ‘tirare’ o attrarre le cose di cui abbiamo bisogno molto facilmente.

Imparare a riconoscere le cose che abbiamo bisogno di allontanare o di tirare verso di noi nella nostra vita, richiede tempo, attenzione e concentrazione. Infatti, normalmente spingiamo laddove abbiamo bisogno di tirare e tiriamo dove c’è bisogno di spingere. Quando siamo a dieta, per esempio, respingiamo alcuni alimenti dal nostro corpo, invece di portare verso di noi quelli che potranno aiutarci ad eliminare i grassi e le tossine. Oppure, quando ne abbiamo bisogno, spingiamo per far funzionare una relazione, con il risultato di far allontanare da noi l’altra persona, invece di attirarla verso di noi con amore vero e un po’ più di pazienza e attenzione.

Se ti ritrovi a spingere con troppo vigore per ottenere le cose nella vita, significa che in realtà non stai fluendo con le circostanze. Infatti stai remando contro corrente, il che può risultare molto gravoso per la mente e il corpo. Ciò non significa, però, che non devi persistere e perseverare. Sapere quando trattenere una cosa o quando lasciarla andare è un’arte che viene con il tempo e l’esperienza.

Quando il mercato spinge troppi prodotti verso noi consumatori, è importante essere in grado di fare una scelta tra ciò che vogliamo e ciò di cui abbiamo bisogno. Il fatto che ci mettano innanzi delle merci, non significa che dobbiamo tirarle verso di noi!  Impara a discernere con chiarezza e scoprirai che c’è pochissimo da portare verso di te; con l’intenzione giusta, qualsiasi cosa di cui tu abbia bisogno ti arriverà.

Molto spesso, quando i genitori sono infastiditi usano la strategia di allontanare le cose dai loro figli dicendo, per esempio: “Non fare questo”, “Non fare quello”, Non sederti là”, ecc. Se al contrario venisse usata la strategia dell’attrazione, il genitore incoraggerebbe con gentilezza, rafforzerebbe la fiducia in se stesso e aiuterebbe il figlio a sviluppare un forte senso di auto-rispetto. In questo modo il genitore otterrebbe rispetto e autorevolezza e il figlio imparerebbe da lui o lei a fare scelte migliori.

E quando arriviamo all’argomento della spiritualità, invece di arrabattarci per allontanare gli aspetti di noi che non ci piacciono, è molto più efficace attirare verso di noi la verità di chi siamo: Amore, Luce, Pace e Gioia. Quando ci focalizziamo sui nostri aspetti negativi, li rafforziamo maggiormente e diamo loro più presa su di noi. Quando ci orientiamo sulla luce e prendiamo coscienza della nostra bellezza, potere e potenziale interiori, l’oscurità allora svanisce.

 

Per iscriversi alla Rajayoga Newsletter mensile e ricevere informazione su corsi, eventi, ricette vegetariane e tanto altro, clicca qui

http://www.rajayoganewsletter.com/newsletter.htm


Commenti

Icona utente Antonella il 11/03/15
Cara Susanna quello che l'articolo intende con la legge dell'attrazione, è che anzichè correggere e dire NON .... che dà il limite di quello che non si deve fare... meglio sarebbe essere nella positività di ciò che si può fare. Esempio: Non mettere in disordine....! O alternativa: Che ne dici se mettiamo in ordine questo spazio? Negare e togliere è sempre meno efficace di aggiungere e sostenere anche se nell'immediato sempre il contrario. Urlare a qualcuno che non deve essere o fare qualcosa ha l'immediato effetto di immobilizzarlo forse, o di fermarlo per un pochetto di tempo. Ma la relazione non migliora ne costruisce autostima. Invece coltivare rispetto per l'altro implica saper accettare gli errori e immettere ciò che potrebbe suggerire per rettificarli. Altro esempio: Non mettere le tue scarpe all'entrata! Ti dispiace mettere le tue scarpe nella scarpiera? Il secondo cassetto è per te! In fondo sono semplici approcci ma possono fare la differenza. Antonella
Icona utente susanna il 06/03/15
Buongiorno, mi spiegherebbe meglio qst suo passo: "Molto spesso, quando i genitori sono infastiditi usano la strategia di allontanare le cose dai loro figli dicendo, per esempio: “Non fare questo”, “Non fare quello”, Non sederti là”, ecc. Se al contrario venisse usata la strategia dell’attrazione.."nel senso praticamente anche come posso fare?? mi può spiegare meglio il concetto???? GRAZIE!!!!

Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di controllo

FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Accetto le condizioni della privacy

Privacy Policy      Cookie Policy