Recensione Articoli

Cambiare il proprio destino

pubblicato il 19/01/23

Aruna Ladva

“Spesso non capiamo le scene che si svolgono davanti a noi. Abbi fede che la vita darà la sua spiegazione nel tempo. Dì alla tua mente: “Aspetta e vedrai”.
Dadi Janki

Nel corso degli anni ho scoperto che la pratica e la disciplina della meditazione mi sono state molto utili. È così che ho impostato la mia mente, dopo aver svolto tutto il lavoro di preparazione per qualsiasi evento. Mi siedo e medito e poi mi arrendo semplicemente a Dio. All'inizio di ogni seminario, faccio spesso l'esempio dell'esercito che si ritira dalla battaglia per creare una nuova strategia, prima di avventurarsi nuovamente sul campo. Prima di poter apportare cambiamenti nella nostra vita, dobbiamo renderci conto che le vecchie strategie non funzionano ed è per questo che la battaglia spesso viene persa.

“Non ripetere i propri errori è una forma di progresso.”
Dadi Janki

Per le anime in viaggio spirituale, questo è il punto di svolta. Esattamente nel momento in cui ci ritiriamo dal vecchio, dobbiamo aver rinunciato al nostro ego se vogliamo salvare l'onore della nostra anima.
Se continuiamo a combattere allo stesso modo, perdiamo tutto.

Pertanto, a volte è saggio fare un passo indietro per un momento, assumere la posizione dell'osservatore e cambiare prospettiva.
Direi che è praticamente lo stesso sia in senso militare che spirituale. A volte la vita può sembrare come se fossimo costantemente in combattimento... una lotta senza fine per sopravvivere, per far funzionare le relazioni, per bilanciare la vita e soddisfare le esigenze di tutti intorno a noi. Il nemico è invisibile e silenzioso. Non possiamo metterci il dito sopra, ma sappiamo solo che non stiamo vincendo questa battaglia. La strategia che abbiamo utilizzato non funziona. Dobbiamo provare qualcosa di nuovo.

Dobbiamo abbandonare il nostro attaccamento alle nostre vecchie modalità e alle nostre vecchie idee.
Naturalmente, per cominciare, la metafora che stiamo usando è quella sbagliata.

Per citare la famosa espressione attribuita ad Abraham Maslow: "Se l'unico strumento che hai è un martello, tratterai tutto come se fosse un chiodo!". Quindi, se la nostra attenzione è solo sulla battaglia, sentiremo sempre di dover estrarre la nostra spada e combattere.
Che ne dici di chiamare la vita un gioco, un ballo, una sinfonia? Non appena cambiamo il verbo, cambiamo il nostro atteggiamento e a nostra volta cambiamo il nostro destino.

È tutto nelle nostre mani. La resa non deve significare sottomettersi o arrendersi, ma elevarsi a una nuova consapevolezza e apprendimento. Lasciando andare le nostre vecchie convinzioni e abitudini, questo può spesso essere il metodo con cui troviamo la nostra via d'uscita.

"Lascia che il tuo insegnante sia l'amore stesso."
Rumi

In molte fedi religiose il termine resa è sinonimo di ‘sacrificio’, e questa parola ‘sacrificio’ fa scattare dentro di noi tante forti emozioni; quindi, dobbiamo capire la profondità delle parole che usiamo. Nella storia della Mahabharata, ad Arjuna viene detto di combattere l'attaccamento prima nella sua mente, di uccidere i propri attaccamenti, perché questo era il motivo per cui soffriva. Una volta che Arjuna ebbe compiuto questo cambiamento nel suo modo di pensare, allora ottenere vittoria nella battaglia fu facile.
La verità è che la vera guerra è con noi stessi.

Oggi, perché non dedicare un po' di tempo a pensare a cosa è necessario arrendersi, per far posto alla luce della libertà? Forse è l'ego infinito, o alcune di quelle vecchie idee e opinioni arroganti, quelle false credenze a cui siamo attaccati che in realtà ci impediscono di progredire sul nostro sentiero spirituale. Dobbiamo reinterpretare il linguaggio che usiamo e riflettere profondamente sul potere delle nostre parole.

"La pace ci richiede di rinunciare alle nostre illusioni di controllo".
Jack Kornfield

Se riusciamo a imparare a lasciar andare quelle vecchie credenze e schemi di pensiero che ci impediscono di godere di una vita di felicità, allora alla fine ci libereremo dalla sofferenza. In realtà l'unico controllo che abbiamo è il potere della nostra mente, non possiamo controllare nulla al di fuori di noi stessi. Ogni genitore sa che non può controllare i propri figli. Come individui hanno le proprie menti, sicuramente faranno le proprie scelte nella vita. La paura, la forza e qualsiasi forma di coercizione a un certo punto si ritorceranno contro coloro che impongono la loro volontà agli altri.

Se consideriamo la resa non come una perdita o una rinuncia a qualcosa, ma più su ciò che stiamo guadagnando, allora il cambiamento diventa senza sforzo. Quando riusciamo a vedere dove stiamo portando beneficio a noi stessi, allora scopriremo che rinunciare a ciò che non è utile nella nostra vita diventa molto facile. In altre parole, quando ci arrendiamo a ciò che non sostiene il nostro benessere, sentiremo un tale sollievo come da dolorosi mal di testa.

È il tempo... di arrendersi, lasciare andare quelle cose che stanno creando ostacoli sul nostro cammino verso la pace e la felicità e creare una vita di eterna libertà.


Per iscriversi alla Rajayoga Newsletter mensile e ricevere informazione su corsi di meditazione, eventi, ricette vegetariane e tanto altro, clicca qui:
http://www.rajayoganewsletter.com/newsletter.htm


Commenti

Icona utente cristina il 23/01/23
Io+ lascio andare le vecchie cose e metto lo zaino sulla zattera che scorre lungo il fiume e saluto, + l'immagine del presente confuso mi avvolge la mente.....e non riesco a discernere le vecchie modalita' dalle nuove che mi aspettano....Cristina Grazie
Icona utente Valentina il 23/01/23
Io mi trovo proprio in questo momento di vita, più mi sforzo di lasciar andare più mi sembra di ritornare sulle vecchie vie.... eppure non dovrebbe essere così dovrebbe essere un fluire....

Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di controllo

FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Iscriviti alla Newsletter

Privacy Policy      Cookie Policy