Recensione Articoli

Come trovare la pace

pubblicato il 09/07/22


Aruna Ladva

“Ricorda a te stesso la tua pace interiore e avrai una maggiore capacità di trovare soluzioni” - Dadi Janki

Molti di noi cercano la pace. La pace non è solo assenza di suono, ma quel vero elisir di contentezza che appaga l'anima.
Puoi raggiungere questa pace con la pratica della meditazione Raja Yoga, ma come per tutte le cose nulla viene facilmente. C'è un po' di sudore e olio di gomito che dobbiamo applicare alla nostra vita per far iniziare le cose, e poi un po' di messa a punto e manutenzione per mantenere le ruote spirituali in movimento.

Ci sono così tanti luoghi comuni che sentiamo sulla pace, tuttavia, questi sono validi solo se il nostro atteggiamento e le nostre percezioni sono sintonizzati su quello stato d’animo che ci aiuterà a rimanere in pace. Ciò richiede una certa attenzione da parte nostra, poiché la nostra pace interiore può andare perduta se diventiamo negligenti. Può trattarsi di un errore di valutazione, di una frazione di secondo e il risultato di quella scelta ci fa sprofondare nella rabbia in cui vedremo la nostra pace interiore esaurita.

Quando possediamo qualcosa di valore, vogliamo proteggerlo, allo stesso modo dobbiamo creare un atteggiamento che consideri preziosa la pace interiore.

“Non lasciare che il comportamento degli altri distruggi la tua pace interiore”. Dalai Lama

Ecco alcuni principi di vita che possono aiutarci a trovare quella pace interiore che stiamo così disperatamente cercando.

RICORDARE CHI SEI

Semplicemente ricordando che sono un'anima pacifica, divento più pacifica. Questo non è qualcosa che devo diventare perché sono già in pace nel mio nucleo spirituale, la pace è la mia natura originale. Mentre ricordo la mia pace, tutti gli atomi e le molecole pacifiche interiori iniziano a svegliarsi e iniziano a danzare. Le particelle di pace iniziano ad avvolgere tutto il mio essere e sono lenito da una calma interiore.

Anche gli scienziati, quelli più orientati alla dimensione spirituale, sono consapevoli di come funziona la connessione mente-corpo e che a livello cellulare le nostre cellule sono in ascolto, sentono e rispondono a qualsiasi cosa stiamo vibrando e trasmettendo. Le cellule possono sentire quell’energia e reagiscono di conseguenza, lavorando in armonia con noi e in buona salute, oppure in dissonanza e in malattia. In pratica, in ognuno di noi si svolge una danza e alcune note sono più intonate di altre!

“Una mente calma non è solo pacifica. È concentrata e divina.” - Dadi Janki

LA COMMEDIA DELLA VITA E' ... PERFETTA

Le scelte di vita che facciamo, gli eventi e le persone che ruotano intorno a noi sono ciò che chiamiamo "Il dramma/ la commedia". Sì, alcuni di noi creano un grande dramma nella vita reagendo in modo eccessivo agli eventi; facendosi prendere dal panico o diventare molto emotivi. Eppure, è tutto un grande dramma... e come in senso teatrale, questo dramma ha una sceneggiatura e un palcoscenico e noi siamo tutti gli attori sulla scena mondiale della vita.

Ma il punto più importante di tutti è che il dramma è perfetto. Dio non creerebbe un dramma imperfetto. Anche quando qualcosa sembra “sbagliato” e non comprendiamo appieno come funziona il meccanismo del dramma, tuttavia fa comunque parte del dramma perfetto. Quindi deve essere perfetto...

Quando possiamo iniziare ad accettare che tutto “semplicemente è”, c'è un profondo senso di pace interiore. Naturalmente questo non significa che ci sediamo semplicemente e diventiamo spettatori del dramma, al contrario, dobbiamo raccogliere il nostro coraggio e diventare l'attore eroe che siamo destinati a essere nella nostra vita. Tra l'altro, la parola "eroe" in hindi significa diamante, quindi non si tratta tanto di una posizione quanto di diventare un gioiello raro e speciale che brilla di luce propria. “L'unica cosa che dobbiamo fare è ricordare: io sono un'anima

"L'unica cosa che dobbiamo fare è ricordare: sono un'anima e il gioco della vita si sta svolgendo da solo". - Dadi Janki

CAPIRE IL KARMA

Il karma è una filosofia universale. La legge di causa ed effetto, la terza legge della termodinamica di Newton e la legge della semina e del raccolto. Ogni tradizione di fede ne parla e noi siamo convinti che questa legge esista, ma una volta che siamo fuori dalla chiesa, dalla moschea o dal tempio tendiamo a dimenticarcene comodamente tutto. Oppure crediamo che si applichi a qualcun altro e non a noi.

Comprendere il karma può anche portarci un profondo senso di pace interiore. Soprattutto nei momenti di ingiustizia, tradimento, iniquità o perfidia. Anche se abbiamo perso la battaglia delle parole, non tutto è andato perduto... perché potremmo aver vinto la battaglia del karma. Nessuno sfugge al suo karma... anche se in superficie sembra che lo facciano! Solo questo fatto da solo porta una calma interiore all'anima.

Pertanto, non abbiamo bisogno di essere il giudice o di emettere un giudizio, e né augurare il male all'avversario. Ma solo sapere che ognuno raccoglie ciò che semina significa che possiamo essere in pace, ognuno otterrà la propria giustizia. Non c'è rancore o desiderio malevolo verso gli altri, perché siamo abbastanza maturi per sapere che raccoglieremo anche ciò che seminiamo. Quindi, procediamo con attenzione.

A volte la legge del karma è intesa come la legge di attrazione. Se esprimiamo pensieri negativi e senza pace... cosa pensi che ci ritornerà? Solo vibrazioni negative e prive di pace, esagerate ed espanse quando prendono slancio al rimbalzo. Quindi, se vogliamo essere in pace e in armonia con noi stessi, dobbiamo emettere solo ciò che vogliamo che ci venga restituito. Cominciamo quindi con questa semplice lezione: Ognuno di noi deve emettere solo ciò che vuole che ci ritorni indietro.

"La pace è il risultato della riqualificazione della vostra mente per elaborare la vita così com'è, piuttosto che come pensate che dovrebbe essere". -Wayne W. Dyer

IL DIVINO HA UN PIANO

Oltre al dramma perfetto, il Divino ha anche un piano e il Suo piano deve essere stato ben progettato. Non credete? Nella vita le cose accadono per un motivo, ma non siamo consapevoli dei dettagli e del motivo che sta dietro a questi "accadimenti".

Le benedizioni arrivano mascherate da una gamba rotta o da una bancarotta, solo perché possiamo uscire dalla nostra zona di comfort e vedere un quadro più ampio e più vantaggioso. Se non cambiamo noi stessi, anche dopo aver visto i segnali che ci presentano il momento di cambiare, alla fine sarà qualche grande cambiamento a cambiare noi.

La fiducia in Dio è un buon consiglio per rimanere stabili nella nostra pace interiore. L'amore genera amore. Ricordate il Divino Supremo e sarete anche voi nei pensieri del Divino Supremo, grazie all'attrazione magnetica dell'amore.
Forse dobbiamo avere più fiducia in questi principi spirituali, perché funzionano indipendentemente dal fatto che ne siamo consapevoli o meno. Il segno di un'anima saggia sarebbe qualcuno che sceglie di lavorare con le leggi spirituali e con Dio, piuttosto che contro di esse.

"Non è necessario cercare la pace. È dentro di noi. Il vostro stato originale è di pace". - Dadi Janki

È tempo... di iniziare a sperimentare la pace interiore proprio qui e proprio ora, perché è assolutamente lì... dentro di voi.


Per iscriversi alla Rajayoga Newsletter mensile e ricevere informazione su corsi di meditazione, eventi, ricette vegetariane e tanto altro, clicca qui:
http://www.rajayoganewsletter.com/newsletter.htm

Precedente | Successivo

Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di controllo

FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Iscriviti alla Newsletter

Privacy Policy      Cookie Policy