pubblicato il 28/07/20

Invece di concentrarmi sulla rabbia sul volto della persona di fronte a me, porto la mia attenzione verso l'essere non fisico, l’anima che è all'interno della persona e che nel suo stato originale e puro era pacifica e amorevole.
Questo aumenta la mia tolleranza e il potere di accettazione. Inoltre, attraverso la meditazione, sono attivamente consapevole del legame spirituale che unisce tutti gli esseri umani; le anime hanno tutte lo stesso Padre. Attraverso queste riflessioni mi connetto con la bontà che è nell'altra anima, mantengo il mio amore e mi rendo conto che questa bontà interiore è una realtà più profonda della sua rabbia.
La verità è che se posso mantenere questa visione cosciente dell'anima per un lungo periodo di tempo e irradio l’altra anima di energia positiva, funziona come magia e risveglia l'altra persona.

Per iscriversi alla Rajayoga Newsletter mensile e ricevere informazione su corsi di meditazione, eventi, ricette vegetariane e tanto altro, clicca qui:
http://www.rajayoganewsletter.com/newsletter.htm


Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di controllo

FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Iscriviti alla Newsletter

Privacy Policy      Cookie Policy