pubblicato il 11/11/22

Aruna Ladva

Abbiamo dimenticato che siamo tutti responsabili dei nostri pensieri e sentimenti. Siamo noi gli unici a vivere nella nostra testa, non gli altri. Non c'è nessun altro al posto di guida, ci sono solo io, il creatore dei miei pensieri e dei miei sentimenti. Finché non prendiamo possesso dei nostri pensieri e sentimenti, in un modo o nell'altro possiamo sentirci vittime "nel" e "del" mondo.

Creiamo dolore e sofferenza per noi stessi all'interno della nostra testa, soprattutto quando pensiamo che qualcuno stia "facendo" o "non facendo" qualcosa in modo deliberato e determinato, semplicemente perché ci aspettiamo che agisca in un certo modo.

Gran parte di ciò che facciamo è davvero inconsapevole, il che significa che la maggior parte di noi non si rende conto di quanto siamo influenzati dal nostro passato, dalle altre persone e dalle situazioni. I più grandi “influencers” siamo noi stessi con ciò che emerge dalla memoria subconscia, registrazioni che possono attivarsi in qualsiasi momento e iniziare a suonare.

La nostra vecchia programmazione e i nostri sistemi di credenze possono intrappolarci in vecchi schemi di pensiero per anni. Possiamo perdere amici, familiari e relazioni, perché rimaniamo intrappolati in un circolo vizioso. Ecco perché è così importante prestare attenzione alla nostra mente. Dobbiamo riportare la nostra mente verso il positivo e vedere la natura originale di noi stessi e delle altre anime: siamo esseri amorevoli e pacifici. Questo è un segno di compassione e l'inizio della guarigione per tutti noi.

All'interno delle amicizie, quando siamo in un buon momento, i nostri amici possono condividere qualcosa per il nostro bene e benessere, che chiamiamo "consigli". Prenderemo la loro opinione o il loro commento in modo positivo, qualunque cosa stiano dicendo.
Quando invece non siamo in un buon momento, qualsiasi cosa dicano, la chiameremo "critica". Qual è la differenza? Oggi possono dire le stesse parole di ieri, quindi cosa è cambiato? Siamo cambiati noi.

Oggi, se non siamo stabili nel nostro rispetto di noi stessi, qualsiasi cosa dicano diventerà per noi una forma di dolore. In realtà, siamo noi stessi a farci del male con le loro parole.
Dobbiamo smettere di dare la colpa agli altri per come ci sentiamo.

Abbiamo il potere di essere padroni della nostra mente e dei nostri sentimenti, se facciamo questa scelta. Dobbiamo smettere di incolpare gli altri per come ci sentiamo. Nel percorso di auto-potenziamento dobbiamo abbandonare le vecchie convinzioni secondo cui qualcun altro "è responsabile della mia felicità". No, questo non è vero. Può essere difficile da abbandonare, perché vogliamo davvero che sia vero! Possiamo aggrapparci a questa convinzione per molto tempo, in modo da non dover cambiare nulla nella nostra vita o fare un lavoro su noi stessi. Ma ognuno di noi è responsabile della propria felicità.

Dobbiamo accettare che ciò che pensiamo di noi stessi, delle altre persone, delle loro azioni e anche del passato, siamo noi a creare questi pensieri e sentimenti nella nostra mente. È il nostro punto di vista e solo il nostro.
Quando non comprendiamo il loro punto di vista pensiamo che abbiano "torto".

Ricordate che possiamo scegliere cosa pensare. Guardiamo come parliamo a noi stessi. Dobbiamo imparare a smettere di ferirci, a smettere di vittimizzarci! Tutti noi abbiamo un lato cieco e sappiamo che ognuno ha "ragione" dal proprio punto di vista. Quando non capiamo il loro punto di vista, li vediamo come se fossero nel "torto". Non hanno torto. È solo che non siamo riusciti a capire cosa vedono dalla loro prospettiva.

Quando ci concentriamo sugli aspetti negativi, ci prepariamo a soffrire e a far soffrire.

L'atteggiamento di biasimo e disgusto è tale che una volta che questo stato mentale è "impostato" sul negativo, qualsiasi cosa faccia qualcuno cercheremo sempre un secondo fine e fraintenderemo le sue intenzioni. Allora, letteralmente, non potranno mai "essere o fare qualcosa di giusto", semplicemente perché la nostra visione di loro si è colorata di questo atteggiamento negativo. Leggiamo nelle cose più di quanto non ci sia in realtà, gonfiamo le vecchie insicurezze e paure e il risultato finale è il dubbio e la sfiducia. Quando ci concentriamo sul negativo, ci prepariamo al dolore e alla sofferenza. Ma il dolore e la sofferenza si creano nel nostro mondo interiore. Una ferita fisica è una cosa, ma la sofferenza emotiva, che noi creiamo, la facciamo a noi stessi. La maggior parte delle persone non vuole digerire questa pillola di realtà.

Quando ci sentiamo feriti, a causa dei pensieri e dei sentimenti che abbiamo creato nella nostra mente, iniziamo a cercare qualcuno o qualcosa su cui riversare il nostro dolore, la nostra ferita aperta e la nostra sofferenza. Desideriamo un po' di sollievo e quindi spostiamo il nostro dolore e la nostra sofferenza su altre persone. Invece di collocarlo saldamente nella nostra mente, dove ha inizio. Possiamo liberarci controllando il nostro io, per capire che dobbiamo cambiare qualcosa nel nostro pensiero. Ma invece ci perdiamo nelle emozioni del dolore, attingendo a quella profonda riserva di dolore e di ferite che provengono da tutte le vecchie ferite del passato.

È all'interno del nostro stadio di coscienza che dobbiamo apportare le modifiche e i cambiamenti necessari...
Pertanto, dobbiamo ammettere che siamo noi ad essere cambiati e non loro. È all'interno del nostro stadio di coscienza che dobbiamo apportare quelle modifiche e quei cambiamenti necessari; un reset del nostro equilibrio interiore che, da qualche parte e in qualche modo, abbiamo perso.

È ora di iniziare ad amare e rispettare noi stessi. La vigilanza che dobbiamo avere è su noi stessi, per tenere sotto controllo la nostra mente-ego. Dobbiamo controllare noi stessi e non gli altri!
Quando possiamo agire da un luogo di rispetto di noi stessi, con amore, compassione e perdono, allora saremo più facilmente in grado di fidarci. In realtà il perdono è per noi stessi più che per gli altri. Quando perdoniamo noi stessi possiamo lasciarci andare, liberarci da quelle ferite e liberare anche gli altri.

Anche se in passato abbiamo ottenuto qualche "guadagno" da questo vecchio modello di pensiero, oggi questi pensieri non ci servono più. Dobbiamo imparare a lasciar andare tutte quelle "cose" che disturbano la nostra pace mentale. È il momento di abbracciare l'amore, la verità e il perdono con un cuore benevolo.

Scegliendo di cambiare la nostra mente, saremo in grado di cambiare il nostro destino e di liberarci dalle nostre vecchie ferite. Allora scopriremo che quelle ferite non ci definiranno più, perché smetteremo di ferire il nostro io e di incolpare gli altri.

È ora... di riprendere il potere di controllare la nostra mente.


Per iscriversi alla Rajayoga Newsletter mensile e ricevere informazione su corsi di meditazione, eventi, ricette vegetariane e tanto altro, clicca qui:
http://www.rajayoganewsletter.com/newsletter.htm

Precedente | Successivo

Commenti

Icona utente Bologna il 14/11/22
Grazie di cuore Bruno, un caro saluto!
Icona utente Bruno il 14/11/22
Grande Aruna, sempre chiara e concisa, grazie si impara già dalla presentazione. A presto

Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di controllo

FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Iscriviti alla Newsletter

Privacy Policy      Cookie Policy