Per un cambiamento positivo

Perché facciamo fatica a stare in pace....

pubblicato il 02/10/20

Perché facciamo fatica a stare in pace con noi stessi, gli uni con gli altri e con il mondo?
Immaginate un lago che è piatto, calmo e puro - è così limpido che si può vedere il fondo. Anche quando il vento soffia increspa solo la superficie. Tutto è fermo e tranquillo nella sua profondità. Poi le prime sostanze chimiche inquinanti della nuova fabbrica e fattoria scendono giù per la collina e in acqua. Immediatamente comincia a appannarsi e a bollire un po'. Le reazioni chimiche sono in corso e la purezza si è persa. Quando la purezza è persa allora la pace è persa.
È lo stesso con la coscienza umana. Siamo esseri nati pacifici. La pace è il nostro più profondo stato interiore di essere, la nostra vera natura.
Essere in pace è il nostro stato naturale, ma solo quando la nostra coscienza è pura, pulita e vera. Non appena permettiamo agli inquinanti di tutte le immagini negative di pervaderci, o permettiamo a vecchi ricordi o esperienze di trasformarsi in pensieri negativi, la nostra purezza e quindi la nostra pace interiore se ne sono andate.
Non è l'evento esterno o persona che manda la nostra pace lontano - è perché diamo loro il permesso di entrare e prendere vita nella nostra mente.
Teniamo la mente e il cuore liberi da ogni inquinamento e la pace sarà sempre con noi

Per iscriversi alla Rajayoga Newsletter mensile e ricevere informazione su corsi di meditazione, eventi, ricette vegetariane e tanto altro, clicca qui:
http://www.rajayoganewsletter.com/newsletter.htm


Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di controllo

FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Iscriviti alla Newsletter

Privacy Policy      Cookie Policy